Home page  
Casella postale n.50
presso l’Ufficio Postale di
25023 Gottolengo (BS)
Numero di fax 0309951033 (per A.I.CHE.)
Indirizzo email info@assocheratocono.org
Ultimo aggiornamento il 25/04/2018 alle ore 13:05
Utilizza il controllo qui a fianco per ricercare una o più parole nei contenuti del sito...
Ricerca nel sito

Oggi Venerdi, 19 Ottobre 2018
| Chi siamo | Soci A.I.CHE. | Diventare soci | Rinnovo soci | Contattaci | Mappa sito |
Home page arrow Trapianto di cornea... arrow Domande più frequenti (FAQ)
Home page Aggiungi il sito ai tuoi Pref Map del sito Contattaci
MenuAssociazione
MenuCheratocono
Prova messaggio


Per mantenere attiva un'associazione e per fare in modo che possa crescere nel tempo ed ottenere risultati sempre più importanti, è necessario affrontare piccole spese ed investimenti.

La nostra è ancora una piccola realtà e quindi un qualsiasi contributo anche se piccolo può essere grande ed indispensabile per tutti noi !!! Leggi tutto...

Domande più frequenti (FAQ sul trapianto di cornea) Scarica l'articolo in PDF
Scritto da Administrator   
venerdì 10 marzo 2006

Qui sono state raccolte alcune domande che ci sono state fatte dalle persone che ci hanno contattato. Noi le abbiamo poste ai medici e riportiamo qui sotto le risposte:

  • E' un intervento doloroso ? Il trapianto di cornea non è di per se un intervento doloroso. Può essere eseguito sia in anestesia locale, tramite una iniezione indolore peribulbare (quindi vicino all'occhio) sia in anestesia generale. La scelta dell'anestesia viene fatta valutando le condizioni e le preferenze del paziente e consultando sia l'anestesista che il chirurgo che eseguirà l'intervento.
    Nei primi giorni dopo l'operazione è frequente un certo fastidio all'occhio, spesso riferito come "sensazione di avere sabbia nell' occhio"che tende a svanire nell'arco di qualche settimana.
    Nei primi giorni dopo l'intervento si verifica raramente un dolore che può essere dovuto a varie cause tra cui l' aumento della pressione endoculare; il contatto immediato con l'oculista curante o con il reparto è il modo appropriato di gestire questa eventualità.
  • Dopo quanti giorni dal trapianto posso tornare a vivere normalmente? Nelle settimane immediatamente dopo il trapianto è necessario evitare tutte le azioni che possano causare un aumento della pressione toracica o addominale e di conseguenza endoculare (es. sollevare pesi, sforzi durante la defecazione).
    E' sconsigliato praticare sport da contatto (es.arti marziali) o sport in cui ci sia un elevato rischio di incorrere in un trauma oculare ( es. tennis, squash) finché non si abbia la certezza che il lembo sia completamente cicatrizzato (circa 18-24 mesi) e comunque mai senza una protezione (es. occhiali in policarbonato).
    Anche il nuoto in piscina è sconsigliato nei primi mesi a causa dell'irritazione provocata dai disinfettanti, e del rischio di contrarre infezioni potenzialmente molto gravi.
  • E' possibile sapere quando sarò chiamato dopo essere stato messo in lista? E' difficile prevedere il tempo che intercorrerà tra la data in cui un paziente viene inserito in lista d'attesa e il giorno dell'intervento. Senza condizioni cliniche che determinano urgenza, attualmente si attende circa 1 anno. Tale attesa è giustificata dal grande numero di pazienti con patologia corneale che necessitano di trapianto corneale, dal fatto che viene garantita una priorità alle urgenze (es.perforazioni corneali) e, purtroppo, dal numero ancora limitato di donazione di tessuti.
  • Quali sono le percentuali di rigetto? La percentuale di rigetto varia in base alla patologia che ha reso necessario il trapianto: ad esempio, aumenta in caso di presenza di neovasi a livello corneale, ma di solito questo non riguarda i pazienti affetti da cheratocono.
    La percentuale di rigetto arriva al 30%, ma bisogna considerare che la maggior parte di questi casi si risolvono con la sola terapia di collirio a base di cortisone. Poiché è fondamentale che la terapia venga iniziata rapidamente, qualsiasi variazione nel decorso, ad esempio rossore, lacrimazione, diminuzione della vista, secrezione, va segnalata immediatamente.
  • Qual è in media la durata di un trapianto? Esiste un documentato decadimento del numero delle cellule endoteliali, che sono le cellule deputate a mantenere la trasparenza corneale, sia nelle cornee normali che in quelle trapiantate.
    In teoria, grazie ai criteri di qualità impiegati dalle Banche degli Occhi, qualsiasi cornea trapiantata mantiene la sua trasparenza per almeno 25 anni, ma si osservano casi di cornee trapiantate 40 anni fa ancora perfettamente trasparenti.
  • Dopo quasi un mese e mezzo dal trapianto vedo ancora appannato, e' normale questo effetto? E' del tutto normale che un mese dopo il trapianto la vista si ancora "appannata", la cornea trapiantata infatti necessita di alcuni mesi prima di raggiungere la perfetta trasparenza e distensione delle pieghe stromali che sono spesso presenti. Altri fattori oltre alla trasparenza della cornea possono ritradare la ripresa della visione e sono: l'astigmatismo postoperatorio e la riepitelizzazione della superficie oculare. Tutti questi elementi devono essere discussi con il proprio oculista. In generale la funzione visiva dovrebbe già raggiungere un discreto livello dopo 6 mesi dall'intervento per poi aumentare progressivamente.
  • Cos'è il rimodellamento della sutura? Una percentuale di pazienti dopo intervento di trapianto di cornea possono necessitare di un "aggiustamento della/delle suture" al fine di ridurre l'astigmatismo. Si tratta di una rifinitura dell'intervento volta ad ottenere un miglioramento della funzione visiva in tempi rapidi. L'intervento si puo' eseguire in anestesia con colliri o mediante iniezione di anestetico attorno all'occhio. La procedura e' rapida e generalmente indolore.
  • In quali condizioni ci si rivolge al trapianto? Nel cheratocono la cornea e' trasparente ma lo sfiancamento che subisce causa miopia e astigmatismo irregolare. Entrambe le condizioni sono correggibili solo parzialmente con un occhiale e generalmente meglio con una lente a contatto (LAC). La LAC e' in grado di offrire un'ottima qualità della visione utile per molti pazienti e per lungo tempo. Certamente la LAC non e' sopportatta da tutti e talvolta diventa poco tollerata con il tempo.
    E' chiaro che ancora oggi il ruolo della chirurgia trapiantologica nel cheratocono e' subordinato alla tollerabilità della LAC. Essendo questa in grado di fornire un'ottima qualità della visione nelle fasi iniziali del cheratocono la chirurgia in questi casi non e' la prima scelta per la correzione.
    Esistono pero' i casi in cui la LAC non e' tollerata e l'occhiale non fornisce una correzione adeguata. In questi casi il trapianto può offrire una possibilità di miglioramento. In particolare se la funzione visiva con correzione occhiale del paziente e' inferiore a 4-5/10 il trapianto ha buone probabilità di offrire un risultato visivo migliorativo con adeguata correzione con occhiale dopo l'intervento. A tal proposito occorre ricordare che la grande maggioranza dei pazienti dopo trapianto necessita di una correzione con occhiale per acquisire la migliore funzione visiva.
    In pratica il trapianto della cornea non deve essere mai inteso dal paziente con cheratocono come mezzo per "togliere" l'occhiale ma come mezzo per raggiungere una migliore funzione visiva che molto probabilmente necessiterà di un occhiale per essere ottenuta.

Si ringrazia il prof. Carlo Enrico Traverso (Fondazione Banca degli Occhi Melvin Jones) e il dott. Luigi Fontana (Unità Operativa di Oculistica Ospedale Maggiore Bologna)  per le informazioni fornite.

Se volete inviarci altre domande da porre ai medici, lo faremo e pubblicheremo le risposte che possono essere utili a tutti.
Scriveteci:

 
Designed by Lisario & GEEO S.r.l.  Power by JOOMLA!
Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Curante.
AVVISIAMO che lo staff di assocheratocono.org non è responsabile in nessun modo degli effetti derivanti dall'uso delle informazioni contenute e/o derivate dal nostro sito.
COOKIES POLICY: Questo sito web utilizza solo cookies tecnici (di sessione o di navigazione) ed analitici, che possono essere utilizzati senza chiedere il consenso dell’utente, poiché sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.