A.I.CHE. e ZEISS insieme per far conoscere la tecnologia i.Scription

A.I.CHE. e ZEISS insieme per far conoscere la tecnologia i.Scription in particolar modo alle persone affette da cheratocono.
Per chi è affetto da cheratocono in fase iniziale la tecnologia i.Scription di ZEISS può essere una valida soluzione. Pur non volendo essere sostitutiva all'utilizzo delle lenti a contatto, le lenti per occhiali ZEISS con tecnologia i.Scription possono essere usate per intervallare l'utilizzo delle LAC.

È possibile conoscere il Centro Ottico Partner Zeiss più vicino in grado di proporre lenti ZEISS con la nuova tecnologia i.Scription visitando il sito http://www.zeiss.it/migliore-visione, inserendo la propria località e spuntando la voce "Centro i.Scription".

Grazie alla collaborazione instaurata, a tutti gli associati A.I.CHE. è offerto il supplemento per la costruzione delle lenti ZEISS i.Scription in via totalmente gratuita.(*)

Per ottenere il supplemento per la costruzione delle lenti ZEISS i.Scription gratuitamente è sufficiente presentare al centro i.Scription a cui ci si rivolge il foglio dell'iniziativa qui in allegato e la tessera di socio A.I.CHE.
Modulo iScription

(*) Si precisa che presentando la tessera di socio A.I.CHE. si potrà avere gratuitamente SOLO il supplemento per la costruzione delle lenti ZEISS i.Scription, rimarranno a carico della persona i costi della montatura e delle lenti scelte.
AVVISIAMO che durante la fase iniziale dell'iniziativa potrà capitare che alcuni centri ZEISS non ne siano ancora a conoscenza, nel qual caso siete pregati di contattarci, chiariremo la situazione con il punto vendita.

Lenti i.Scription by ZEISS, le uniche lenti in grado di minimizzare gli effetti negativi delle aberrazioni sulla visione.

Da oltre 160 anni, le innovazioni introdotte da Carl Zeiss hanno giocato un ruolo di primo piano nel costante sviluppo in campo ottico oftalmico. L'esperienza maturata da ZEISS, dai telescopi e microscopi, fino alle tecnologie introdotte per la produzione di obiettivi di ultima generazione, ha fornito le basi conoscitive per lo sviluppo di lenti oftalmiche di altissima precisione. Tutto questo, unitamente al filo diretto che da sempre lega ZEISS alla classe dei Medici Oftalmologi di tutto il mondo, ha consentito di poter individuare e quindi fornire una soluzione anche per i difetti visivi più complessi di quelli che abitualmente vengono trattati e corretti, come miopia, ipermetropia, astigmatismo, ecc.

Ecco che nasce la lente ZEISS con tecnologia i.Scription.

Queste lenti realizzate tramite una tecnologia innovativa e brevettata, riescono a correggere non soltanto il difetto visivo, qualunque esso sia, ad es. miopia, ipermetropia o astigmatismo, ma anche a migliorare la qualità della visione.
Per fare questo si prendono in considerazione le cosiddette "aberrazioni di alto ordine" del sistema oculare. Ogni imperfezione che la luce incontra nel suo percorso ottico, dalla cornea fino al piano della retina, produce una distorsione dei raggi luminosi con conseguente imperfetta focalizzazione dell'immagine sulla retina stessa. Tutto ciò genera "aberrazioni" nonché errori, appunto, nella formazione dell'immagine. Non è raro infatti incontrare pazienti che, pur avendo un'acutezza visiva ottimale con o senza occhiali, i cosiddetti 10/10, lamentano una scarsa qualità della visione, soprattutto al sopraggiungere del crepuscolo e in condizioni di luce scarsa. Spesso questo problema dipende proprio dalla presenza di aberrazioni del sistema ottico oculare che impediscono il formarsi di un'immagine di qualità eccellente sulla retina.

Con le lenti ZEISS i.Scription è possibile ridurre di molto gli effetti negativi di tali aberrazioni con evidente miglioramento della qualità della visione.
Per misurare le "aberrazioni di alto ordine", eventualmente presenti nel sistema ottico oculare, è necessario fare un'aberrometria, ossia un esame capace di rilevare e misurare quantitativamente e qualitativamente tali imperfezioni, sia in condizioni di luce normale che in condizioni di scarsa luminosità. Questo è possibile tramite i.Profiler Plus di ZEISS, uno strumento multifunzione studiato appositamente per poter effettuare un esame aberrometrico di ultima generazione e che, tramite la tecnologia detta "a fronte d'onda", è in grado di tracciare una precisa mappa aberrometrica oculare di ogni singolo soggetto. Una volta realizzato l'esame oggettivo tramite i.Profiler Plus e avere effettuato i tradizionali test optometrici di acuità visiva monoculare e binoculare, sensibilità al contrasto e cromatica, i risultati vengono inviati al laboratorio di costruzione lenti ZEISS in Germania, che realizzerà la lente finale completa della correzione del difetto visivo e dell'ottimizzazione dei poteri finali atta a ridurre gli effetti negativi che le aberrazioni di alto ordine possono introdurre sulla visione. Il tutto è ottenuto tramite un sofisticato algoritmo di calcolo che tiene in considerazione il tipo e l'entità delle aberrazioni riscontrate, misurate per ogni singolo occhio. Il risultato finale sarà una qualità visiva superiore a quella ottenibile con le tradizionali lenti correttive.

Tale opportunità assume un valore ancora più importante per gli occhiali da prescrivere nelle fasi iniziali del cheratocono. La deformazione corneale indotta da questa patologia, infatti, è responsabile di elevatissime aberrazioni, soprattutto di una definita "coma".
Tali aberrazioni non correggibili con occhiali tradizionali fino ad oggi prevedevano solo l'uso di lenti corneali a contatto.
La nuova tecnologia ZEISS i.Scription consente di avere molte più possibilità di successo nel correggere astigmatismi irregolari indotti da cheratoconi, ma anche da ferite corneali o cicatrici chirurgiche fino ad oggi compensabili solo parzialmente tramite lenti a contatto.